top of page
  • Immagine del redattoreMattia Bizzotto

[CRESCERE PER FAR CRESCERE]

In molti non si aspettavano la mia decisione di cambiare azienda.


Chi mi conosce sa che sono nel mondo del network da 8 anni, partito come un falegname ragazzino part time che ora è arrivato a farne il suo impiego principale con, lasciamelo dire, anche ottimi risultati e raggiungendo sempre i rank di carriera più alti.


Sia chiaro che non parlo di “qualifiche accumulate” o cose simili che vanno tanto di moda per riempire la bocca e tenere vuoto il portafoglio, parlo di milioni di euro di fatturati annuali.


Non se lo aspettavano perché, di solito, quando scelgo un’azienda sto lì fino alla fine.


Per me, l’azienda di network è come una casa.


Una casa per te, per la tua famiglia e per quelli che saranno i tuoi collaboratori.


Tu cambi casa come cambi i calzini? Non credo.


Per me è lo stesso con il network.


Quindi, se decido di cambiare è per un motivo profondo.


Vuoi sapere quale? Devi aspettare ancora un momento.


Sai, un’altra cosa che ha lasciato tutti spiazzati è stata la mia scelta di andare in un’azienda già avviata, e non una nuova di zecca come era successo le ultime due volte.


Non ti nego che la novità è sempre bella, intrigante. Il gusto di dire “nessuno ci conosce” e poter fare grandi cose.


Vedere il business prima degli altri molto spesso fa la differenza, lo so bene.


Stavolta, però, ho fatto una scelta diversa.


Volevo una casa vissuta, che mi permettesse di avere ciò di cui ho bisogno adesso.


Cosa c’è di più stimolante di questo?


Ci tengo a sottolineare un’altra cosa.


Cambiare la propria vita deve essere sempre una scelta attiva.


Mi spiego meglio.


A guidarti, dovrebbe essere sempre il pensiero “voglio di più per me e la mia famiglia”, non il “mi sono stufato di quello che faccio, troviamo un modo per cambiare”.


Se il focus è sulla tua crescita, sulla tua ambizione, vedrai che i risultati saranno diversi.


Non che le cose non possano andare insieme eh, anzi.


Ci sta che il primo pensiero possa essere “questa routine mi sta stretta”. L’importante è metterci accanto il TUO desiderio di crescere.


Non c’è nulla di male a cercare un cambiamento se qualcosa, nella tua vita, un qualsiasi aspetto di quello che stai vivendo, secondo te potrebbe essere migliore.


Nel mio caso, a convincermi definitivamente a fare il grande salto è stato l’ambiente.


Sai, per me puoi avere il miglior piano marketing della terra, il prodotto più innovativo di sempre, ma se non c’è un ambiente che fa stare bene le persone, che gli offra una vera possibilità di crescita, per me non c’è niente da fare.


E lo so che comunque il network è un business, credimi.


Ma volevo stare in un’azienda che mi desse un senso di famiglia, non di “tutti sono utili ma nessuno è indispensabile” e se te ne vai non sei più uno di noi.


Intendo quel senso di accoglienza, di benessere, di energia, di entusiasmo.


Ecco di cosa ho bisogno davvero.


Di crescere e di far crescere.


Sarà che ormai sono un papà, ma era un’esigenza davvero forte dentro di me, e dovevo seguirla a tutti i costi.


E così, ho fatto la scelta che ha lasciato molti a bocca aperta.


Per la prima volta nella mia carriera, me ne sono andato.


E no, non mi sento per nulla un ingrato.


Ho imparato tanto nella mia ultima esperienza, ma ora ho bisogno di altro.


Di misurarmi con i grandi, grandissimi, sentendomi stimolato e accolto.


Se non significa “crescere” questo, allora non so che altro.


E tu, sei pronto a diventare grande?


Scrivimi, ti aspetto qui!


Mattia B.




39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page